Cronotermostato HP 510

Cronotermostato programmabile HP510

Quando si lavora tutto il giorno fuori casa rincasare e trovare un ambiente riscaldato è molto importante. Se anche tu avverti la stessa necessità forse avrai bisogno di leggere questa recensione completa sul cronotermostato programmabile HP-510, perchè molto probabilmente farà al caso della tua casa.

cronotermostato hp 150

Caratteristiche e funzionamento

Certamente tutti associano HP alla nota stampante laser, ma in realtà non tutti sanno che i settori di produzione della Hewlett-Packard sono molti, alcuni dei quali destinati alla realizzazione di dispositivi termoefficienti, come nel caso dell’innovativo cronotermostato con programmazione efficiente HP 510.
Il nostro staff lo ha provato in anteprima non appena è stato lanciato sul mercato, quando non era ancora in vendita su Amazon Usa. Speriamo che la nostra opinione possa orientarvi meglio nell’acquisto del termoregolatore che vorreste acquistare per questo inverno.
La prima cosa da dire a proposito di come funziona l’HP510 è che può essere utilizzato sia per gli impianti di riscaldamento che per quelli di climatizzazione estiva. Un bel vantaggio visto che ci sono molte persone che reputano, erroneamente, che un termostato possa essere utilizzato solo con radiatori e termosifoni (al massimo valvole termostatizzabili). Invece si può controllare l’accensione anche dei condizionatori d’aria quando fa caldo con un ottimo vantaggio energetico in termini di consumi. Fatto certamente da non sottovalutare quando si vive in tempi di ristrettezze, come questi a cui siamo costretti a causa di un governo democratico solo quando si parla di spartirsi il potere (vedere orrenda imposizione della fiducia sul Rosatellum..).

Tornando alle questioni più serie (..si fa per dire), vogliamo esprimere anche un giudizio estetico sul prodotto. Abbiamo interpellato anche un esperto di interior design che ha confermato la nostra impressione positiva sul prodotto, ritenendolo innovativo non solo nell’aspetto, ma anche per alcuni elementi più concreti. E’ il caso dello sportellino frontale che, se nei modelli di cronotermostati tradizionali tende ad alzarsi, permettendo l’impostazione dei parametri di temperatura e le modalità di farlo funzionare, in questo caso si rivela assai più originale.
Nel caso del cronotermostato da parete Hewlett Packard 510 vi è un coperchio a scorrimento che scopre i pulsanti per la regolazione in maniera assai più elegante.
Chi ama i dettagli e apprezza la funzionalità, anche nei piccoli elettrodomestici, non può che apprezzare questo aspetto.
Gli stessi tasti e le immagine che servono per orientare l’utente finale e fargli capire velocemente quale funzione impostare, sono intuitivi e curati. Anche in questo caso abbiamo notato nel cronotermostato murale dei dettagli estremamente convincenti. Voto 10 quindi a pulsanti facili da manovrare e anche alle icone, davvero semplici da interpretare.
Anche un anziano non dovrebbe avere difficoltà a capire che vi è il sole per l’impostazione comfort, e la luna per l’impostazione serale.
Su di un terzo tasto sono indicati una “+” e una “-” , che rappresentano dei tastini molto utili per selezionare le diverse funzioni e gestire il calore secondo i nostri bisogni domestici. L’installazione a parete in realtà non è delle più semplici e anche noi che abbiamo una certa dimestichezza con la materia, abbiamo avuto qualche filo da torcere. Ad ogni modo, l’utente comune, per ottenere un montaggio ottimale, dovrebbe rivolgersi ad un tecnico, specializzato in circuiti idro-termici.

Il collegamento del cronotermostato alla caldaia o al condizionatore non è un’operazione per dilettanti.
Dal punto di vista delle caratteristiche tecniche, si precisa che HP 510 funziona, come la maggior parte dei suoi “colleghi” per uso domestico, con due pile AA.

Anche nel suo caso, per accorgersi di quando la carica delle batterie sta finendo, occorrerà dare uno sguardo all’icona sul display, che indica il livello attuale di batteria. Quando le tacce scompariranno dal display significa che è arrivato il momento di sostituire le pile interne alla scocca del cronotermostato.
Meglio farlo un po’ prima che ritrovarsi con uno strumento inutilizzabile, perchè privo di alimentazione e quindi di energia per funzionare.
L’opinione che abbiamo avuto di questo apparecchio per gestire il riscaldamento domestico è che si tratti di un cronotermostato semplice da settare.
Possiede ben 7 programmi da cui scegliere il più indicato alle proprie necessità di casa. In alternativa a questi programmi preimpostati, soprattutto se si hanno esigenze di caldo particolari, si potrà comunque regolare in modo personalizzato. Il consiglio, come al solito, è di montarlo in zone della casa dove non vi sono correnti d’aria, e fonti di calore troppo vicine, come canne fumarie, perché questo potrebbe alterare la percezione della temperatura e quindi non permettere il corretto uso.
D’altronde abbiamo testato il funzionamento del rilevamento della temperatura ed è perfettamente tarato. Rispetto ad altri modelli è comunque dotato della regolazione “sbalzo termico” che consente di eliminare l’eventuale effetto delle correnti d’aria.
In questo modo, anche se non l’avete collocato in un luogo ottimale, a causa del poco spazio a disposizione sul muro, per questioni di design d’arredo o perchè inesperti, sarà la tecnologia a sopperire alle vostre mancanze.

Il cronotermostato programmabile può essere regolato in modo tale da far trovare sempre la temperatura ideale per l’orario desiderato. Ad esempio, se fa molto freddo, sarà in grado di far partire prima la caldaia, in modo che ci sia la temperatura impostata all’orario scelto. Il cronotermostato digitale HP-510 può essere programmato settimanalmente o giornalmente in base alle proprie esigenze. Il controllo dei programmi è abbastanza semplice da utilizzare. Si selezionerà una tra le diverse modalità di programmazioni, ad esempio “comfort”, oppure si sceglierà giorno per giorno a quali orari far partire il riscaldamento o l’impianto di condizionamento e quindi la temperatura da raggiungere. Sul display a cristalli liquidi del termoregolatore sarà possibile visualizzare l’icona del programma in uso, la temperatura impostata e infine l’orario, per avere tutte le principali informazioni in qualsiasi momento diamo uno sguardo allo schermo del crono HP510.
Tra gli elementi che lasciano titubanti vi è il settaggio che non prevede decimali, ovvero si può impostare a 26°C, 25°C, ma non ad esempio 23,2°C.
Una grave pecca per gli utenti più puntigliosi o comunque per tutti coloro i quali, avendo già usato un apparecchio per la termoregolazione più preciso, sanno bene quanta energia si possa risparmiare abbassando per un anno di 0,2 gradi centigradi la temperatura interna di casa. I consumi sono importanti, quindi occhio a non innamorarvi troppo di questo cronotermostato basic.
Per quanto riguarda invece l’orario si può scegliere tra archi temporali di mezz’ora, ad esempio 16:00, 16:30, 17:00, ma non 16:45 o 17:10
Le misure sono standard (13 lunghezza x 8,5cm larghezza) quindi può essere facilmente alloggiato in spazi già usati precedentemente da altri termoregolatori di dimensioni classiche.

Prezzi

Nonostante si tratti di un prodotto di discreta qualità, con funzioni personalizzabili e quindi da inserire nel segmento dei prodotto di fascia media, il prezzo è davvero basso, infatti, il cronotermostato digitale HP 510 si trova in commercio a circa 20 euro. Questo è un aspetto eccezionale che abbiamo apprezzato del prodotto. Quando un crono non garantisce prestazioni al top ed ha un costo di vendita non economico rimaniamo un po’ male. Se invece vengono garantiti livelli decenti di tecnologia e marchi come Hewlett-Packard riescono a creare prodotti validi che non hanno nulla da invidiare ad aziende come Fantini Cosmi, ci rallegriamo.
Per voi utenti che cercate il minimo sindacale o comunque un cronotermostato da parete con prezzo inferiore ai 25 euro, ora sapete che cosa comprare.

Opinioni on line

In seguito alla rottura del mio vecchio dispositivo ho deciso di comprare il cronotermostato HP 510. Cercavo un prodotto semplice da usare, programmabile e il più possibile simile al vecchio modello di Fantini C67 che avevo. Installarlo è stato molto semplice perché l’ho semplicemente alloggiato nello spazio che occupava il vecchio modello. Per la programmazione ho avuto inizialmente qualche difficoltà con il libretto delle istruzioni, ma ho cercato in rete e ho trovato dei video molto esaustivi e quindi in breve tempo ho risolto. Attualmente ho inserito la modalità comfort e così la caldaia si accende al mattino e al pomeriggio cioè negli orari in cui siamo in casa. Per la domenica invece ho deciso di fare la programmazione manuale perché di solito siamo in casa fino al tardo pomeriggio e quindi preferisco accenderla di giorno per far stare i bambini al caldo e spegnerla la sera. Sicuramente la possibilità di programmarla di volta in volta mi ha colpito favorevolmente perché mi consente un uso personalizzato. Sinceramente visto che è costato davvero poco ho deciso di provare a tararlo con la temperatura per capire se riesce realmente a percepire quella reale e quindi se il funzionamento è attendibile. Ho utilizzato un rilevatore di temperatura per ambienti affidabile in quanto già utilizzato diverse volte e il risultato è stato sorprendente.
Avrei preferito poter scegliere una temperatura intermedia, ma il settaggio non prevede l’impostazione con i decimali, ma visto il prezzo pagato qualche pecca doveva pur averla.

Giorgio F. -dirigente scolastico-

 

 

Leave a Reply